"The Corporation" - il film documentario sulle multinazionali



 

Diretto da Mark Achbar e Jennifer Abbott, “The Corporation” vide la luce nelle sale canadesi nel 2003. Film - documentario tratto dall'omonimo libro di Joel Bakan, scrittore e avvocato canadese, "The Corporation" analizza il potere incontrollato ormai assunto da anni dalle multinazionali (che negli Stati Uniti d’America sono note con il termine di "Corporations") all'interno dei circuiti economici globali, determinando il bello ed il cattivo tempo dell'economia mondiale. Le Corporation, hanno gradualmente raggiunto lo status di persone giuridiche il quale unico obbligo appare quello di tutelare unicamente i propri azionisti attraverso la realizzazione dei profitti, che vengono conseguiti dalle stesse anche a costo di ingenti danni verso le popolazioni e l'ambiente che queste provocano pur di aumentare i propri utili.

Le Multinazionali o Corporation non hanno dimostrato alcun interesse né sono chiamate a sottostare ad alcun obbligo concreto a salvaguardia della natura o dei lavoratori, sempre più compromessi dall'opera di distruzione indiscriminata operata da queste.

Il documentario mostra infine come le Corporation, sfruttino incondizionatamente la manodopera locale, soprattutto quando subentrano nei paesi in via di sviluppo con evidenti problemi economici che ne vincolano la sovranità popolare.

In particolare il Film richiama le Multinazionali alle seguenti responsabilità: 

  • somministrazione alle mucche da latte degli allevamenti dell'ormone rBGH, creato e distribuito dalla Monsanto. Chiamata anche RBST o Posilac, questa sostanza inizialmente dichiarata sicura, venne messa in commercio perchè avrebbe dovuto aumentare la produzione di latte; invece fu responsabile dell'insorgenza della mastite in migliaia di capi da allevamento, con conseguente trasmissione dell'infezione batterica nel latte (pare inoltre che il programma Fox News inizialmente ne avrebbe voluto parlare, ma la Monsanto, con l'appoggio della stessa emittente, la Fox, censurò il servizio giornalistico);

 

  • sintetizzazione e diffusione di sostanze chimiche pericolose per la salute come il DDT, ed in particolare la diffusione dell' Agente Arancio da parte dell'azienda Monsanto;
  • inquinamento delle fabbriche e di allevamenti animali;
  • pubblicità ingannevole rivolta soprattutto ai giovani;
  • pubblicità occulta finalizzata al condizionamento inconscio, p.e. messaggi subliminali;
  • pressioni sulle istituzioni circa il conferimento di brevetti ad invenzioni dannose per il genere umano (p.e. il processo condotto dalla General Electric e dal prof. Chakrabarty contro l'Ufficio brevetti americano, che aveva rifiutato di brevettare un batterio geneticamente modificato. La vittoria della multinazionale diede il via al brevetto di esseri viventi e ora il divieto vale , non si sa per quanto ancora, solo per la specie umana);
  • privatizzazione dei beni pubblici, un esempio significativo fu quella dei servizi idrici della città boliviana (Cochabamba) che dava la possibilità a una multinazionale di distribuire l'acqua in cambio di un quarto del reddito dei cittadini, prevaricando in tal modo i loro diritti. A seguito delle ristrettezze disumane a cui venne sottoposta la popolazione, vi fu una ribellione dei boliviani, gli scontri che ne scaturirono provocarono numerosi feriti e un morto, ma come risultato i cittadini di Cochabamba si affrancarono dalle multinazionali;
  • collusione fra le Corporation e i regimi dittatoriali, antichi e moderni. Significativo è il caso tra l'americana IBM di New York e il Terzo Reich;

 

Sotto il profilo psichiatrico, infine, il giudizio che viene espresso nel documentario è impietoso: il comportamento di una Corporation è per molti aspetti lo stesso di quello di un soggetto psicopatico.


Aiutaci a crescere: Condividi!



Scrivi commento

Commenti: 0